78-84

78-84-alessio

78/84 i sette anni che, nel bene e nel male, hanno cambiato la musica!

Non ci credete?
Beh allora cosa aspettate? Sintonizzatevi il mercoledì sera, a partire dalle 22, su ETNICA RADIO, per entrare nell’appartamento berlinese di Iggy, David e Brian o per ascoltare quanto il punk, genere che solo pochi audaci o masochisti riescono ad ascoltare, sia riuscito a decapitare il vecchio rock/folk per dar vita a una babele di generi musicali e stravaganti capigliature, comprese quelle di Simon Le Bon.

Se non vi piace la musica 80′s questo è il posto giusto, anche perchè la trasmissione parte con la musica del 1978… ma soprattutto termina con quella del 1984 giusto prima del disastro.
E comunque dribbleremo, con precisione chirurgica, tutto il trash partorito in questi anni, anche se qualcosa, giusto per il brivido dell’orrido, lo lasceremo filtrare.

Se non  capite ‘na mazza dei generi musicali, non preoccupatevi, la trasmissione avrà lo stesso effetto suscitato dalla musica Dark: riuscirà a fare ancor più confusione nella vostra mente.
Ma sia ben chiaro ascolterete solo buona musica, rigorosamente pubblicata o ascoltata tra il 78 e l’84!

Quindi largo a U2, R.E.M., David Bowie, Clash, Siouxies Sioux, Chic, Tom Petty, Police, Duran Duran, Donal Fagen, Gang Of Four, Man At Work, Bad Manners, ecc, ecc, ecc.

Perchè 78?
Perchè fu allora, all’età di 8 anni, che ho rubato la radio a mio padre e ho iniziato a sognare facendo zapping tra un emittente radiofonica e l’altra!
Perchè 84?
Perchè dopo aver ascoltato l’assolo di sint in Jump ho capito che il rock era definitivamente schiattato!

Se non credi nella musica del passato allora ripeti come un mantra gli aforismi, del tutto inutili, che seguono:

“Siamo tutti esuli dal nostro passato.”
Fëdor Dostoevskij

“Studia il passato se vuoi prevedere il futuro.”
Confucio

“Tutto ciò che è moderno viene, prima o poi, superato.”
Oscar Wilde

“Il passato rivive ogni giorno perché non è mai passato.”
Proverbio Africano

“Ritorno al futuro… un, due, tre, un, due, tre…”
Steven Spielberg

e come per magia sarai trasportato tra il 1978 e il 1984!