Magic Box n.25, 21/5/2015

Grazie a Marco Camalleri, a David Coscetti (l’ospite di questa puntata) e a tutti gli ascoltatori!

Il racconto di Marco

LAYLA
Layla si intrufolò in mezzo ai tavolini semivuoti del bar sul corso. L’uomo stava seduto proprio accanto alla finta siepe di plastica che delimitava il suolo pubblico occupato. Non era in ritardo, eppure trovò opportuno scusarsi, così, tanto per bucare il gelo che percepiva in quell’incontro, per iniziare un discorso che altrimenti avrebbe stentato a spiegarsi.

«Non fa niente Layla, guardavo la gente passare pigra sul marciapiede e non mi annoiava attendere.»
La ragazza chiese una coca al cameriere che nel frattempo si era avvicinato a quell’unico tavolo occupato.
«Allora hai deciso!», disse l’uomo continuando a guardare la scena senza voltarsi verso di lei.
«Come fa a sapere che volevo parlarle di questo?»
L’uomo fece una smorfia con il labbro, «intuito dei vecchi?»
«Un tempo era delle donne!»
L’uomo mostrò ancora la smorfia e abbozzò un sorriso, «delle donne e dei vecchi allora.» Poi si fece serio, con un’ombra sul viso, «e comunque hai deciso! Giusto?»
Il cameriere depose sul tavolino la coca e lo scontrino, bloccandolo sotto il posacenere in plastica della Cinzano. La ragazza scosse la testa in segno di sì e il ghiaccio nel bicchiere tintinnò mentre mandava giù il sorso.
«Sai cosa ho ascoltato questa mattina, Layla?»
La ragazza non rispose, come ovvio.
«Il canone di Pachelbel! Non sapevo questa mattina perché. Mi è capitato in testa così di colpo e non capivo il motivo. E invece poi mi hai chiamato e allora ho realizzato.» L’uomo si cercò una tasca e ne cavò un cellulare. Armeggiò un poco, poi lo poggiò faccia in giù sul tavolino. Dal minuscolo altoparlante incastonato nella cover iniziarono con ostinazione a vibrare i bassi. Poi l’acuto dei violini, uno alla volta, iniziò a girare intorno e ad avvitarsi uno nelle variazioni dell’altro. Era una scena strana, una sospensione di tempo su quella strada poco frequentata in quell’ora meridiana.
«Layla, chissà se il buon Johann immaginava che il canone sarebbe stato per tanti uno spartiacque. Sì mia cara, c’è sempre un prima e un dopo. È la volontà che tramuti in decisione, la cosa che d’un tratto fai che pone il limite tra il prima e il dopo. Anche quando non te ne accorgi. Dopo l’esecuzione del canone tutto sembrò continuare sul suo normale binario. E invece no! La direzione era cambiata di un niente, ma era cambiata. Ci sarebbe voluto tempo perché quelle armonie circolari invadessero tutto. Si dovette attendere qualcuno che avesse il coraggio di acchiappare quella struttura innocua di note e lanciarla su chi attorno provava ad ascoltava. Tutti compresero allora che quello era proprio il dopo che avevano aspettato e ne rimasero appagati.»
L’uomo girò finalmente lo sguardo, «c’è sempre un prima e un dopo, ma io sono solo il basso ostinato del violoncello, Layla. Continuo a stare seduto a questo tavolo e voi mie care siete i violini. Arrivate, seguite le variazioni della partitura e ondeggiando decidete ad un tratto di andare via. Di intraprendere la vostra strada.»
«Ho paura del dopo, maestro! Come fate a non averne?»
L’uomo tornò a guardare il corso, «perché io sono il basso, Layla. Sono il durante, non ho un dopo. Ho smesso di averne per paura. Un giorno mi sono seduto a questo posto e ho scelto di non avere un dopo. Proprio per paura.»
Layla annuì. Finì l’ultimo sorso di coca e si alzò. Passando si chinò per baciare la guancia del vecchio. Poi decisa si allontanò verso il suo dopo.
Gli archi terminarono le loro evoluzioni. Il cellulare s’ammutolì. L’uomo in silenzio guardò ancora la strada, poi mise sotto il portacenere le banconote per il conto. Layla era già vapore di ricordo.

Message in a Bottle

David ci ha presentato il brano “Guess Who” di B.B.King.

 

LA POESIA DEL GIOVEDI’ di TOT

Continua il franchise poetico “Poesia per Maria”. Oggi arriviamo al quarto capitolo. Roberto Totaro, l’unico poeta al mondo che accetta interruzioni pubblicitarie nelle sue poesie. Ecco quindi : POESIA PER MARIA 4.

POESIA PER MARIA 4

Maria.
Cinque lettere che significano
Amore. Senza di te
tutto mi sembra inutile.
Cos’è la mia vita senza di te
Maria?

VENDO IN ZONA POZZUOLI, FIAT PUNTO PRATICAMENTE NUOVA. 1500 Km. NUMERO DI TELAIO LIMATO . DOCUMENTI BOLLO AUTO E ASSICURAZIONE SICURI AL 100%. CHIAMARE ORE PASTI E CHIEDERE DI GENNARINO 341 3331234
OPPURE CONTATTATEMI: GENNARINOCIRILLO@HOTMAIL.IT

Passo le giornate
a pensarti, Maria.
Passo le notti a sognarti.
Se potessi fermerei il tempo
per poterti guardare per sempre
e saziarmi di ciò che vedo.

CAUSA SOPRAGGIUNTA CECITA’ VENDO 14.000 DVD PER ADULTI. PER LA LISTA COMPLETA DEI TITOLI E DESCRIZIONE CONTENUTI TELEFONARE A: 041 8888818

Se fossi un pittore
ti disegnerei tutto il giorno.
Se fossi un musicista
comporrei solo canzoni per te.
Se fossi uno scultore
scolpirei solo il tuo viso.

VENDO (PER MANCANZA DI SPAZIO) MIO PADRE E MIA MADRE. NON FUMATORI. MIA MADRE E’ BRAVA A FARE DA MANGIARE, MIO PADRE GUARDA ININTERROTTAMENTE DVD DI PIERO E ALBERTO ANGELA SUL DIVANO. 600 EURO NON TRATTABILI. 041 1234567

Se fossi uno scrittore
descriverei solo il tuo viso,
i tuoi occhi e le tue labbra
e ne farei un romanzo
che leggerei tutta la vita.

VENDO CAUSA INUTILIZZO (QUELLO STRONZO CHE DOVEVA SPOSARMI E’ SCOMPARSO IN VENEZUELA UNA SETTIMANA PRIMA DELLE NOZZE) ABITO DA SPOSA BIANCO NUOVO COMPLETO DI VELO A STRASCICO IN PIZZO DI SAN GALLO BUSTINO RICAMATO. TAGLIA 42. 1500 EURO TRATTABILI. TEL. 453 12345678

Maria.
Noi esistiamo solo
per stare insieme
eppure il fato ci divide.
Quanto potrò sopportare
di vivere senza di te?

VENDO IN BLOCCO (CAUSA CAMBIO ABITAZIONE) UNA CUCINA COMPLETA DI PIANO COTTURA, FORNO, FRIGORIFERO, SALA DA PRANZO COMPLETA DI TAVOLO E QUATTRO SEDIE E SOGGIORNO COMPLETO CON DIVANO IN PELLE E MIO MARITO SEDUTO SOPRA IN PANTOFOLE CHE GUARDA CAGATE ALLA TELE. TEL. ORE PASTI E CHIEDERE DI GIESSICA. 059 460532

Vedo due gabbiani
volare nel cielo
e penso a come vorrei
fossimo noi quei due gabbiani
che estasiati si librano
nel cielo sopra il mare
volando verso l’eternità.

VENDO BIANCHERIA INTIMA USATA DA MIA SORELLA. TANGA PERIZOMI E SLIP.
15 EURO A PEZZO. CHIAMARE A ORE PASTI E CHIEDERE DI GENNARINO 341 3331234
OPPURE CONTATTATEMI: GENNARINOCIRILLO@HOTMAIL.IT

(TOT)

 

Lettura della settimana da “L’insostenibile leggerezza dell’essere”,  di Milan Kundera

Scaletta

  1. Rolling Stones – Brown Sugar (03:49)
  2. Demis Roussos – Rain And Tears (03:13)
  3. B.B. King – Guess Who (03:51)
  4. Otis Redding – Mr. Pitiful (02:41)
  5. Smashing Pumpkins – 1979 (04:23)
  6. Sting – Shape of My Heart (04:39)
  7. Steely Dan – Hey Nineteen (05:05)
  8. Skunk Anansie – You’ll Follow Me Down (04:01)

Alla prossima!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>